04 gennaio, 2008

Una OPV di 4 miliardi di dollari per Mozilla?

di Percy Cabello

Henry Blodget, un analista finanziario per il Silicon Alley Insider, ha pubblicato ieri un commento su come la Mozilla Corporation potrebbe quotarsi in borsa. Questa è la sua teoria:

  • con un utile attuale che varia dai 35 ai 100 milioni di dollari al netto della tassazione, ci potrebbe essere una OPV (Offerta Pubblica di Vendita) che può variare dagli 1,5 ai 4 miliardi di dollari.
  • potrebbe avvenire quest'anno o l'anno prossimo.
  • genererebbe una gran quantità di denaro e le stock option sarebbero distribuite tra i contribuenti principali con una cessione di quattro anni per garantire la loro partecipazione continuativa.
Tasse, OPV, stock option, cessione.

Maslow diceva: "Se l'unico strumento che avete a disposizione è un martello, si tende vedere ogni problema come un chiodo" e dunque Blodget ha iniziato a pompare la cosa fin dalla fine di dicembre.

La domanda è: qual è il problema? A me, come a Blodget, piacerebbe diventare ricco nell'arco di un paio d'anni e una OPV di Mozilla sembra essere un modo allettante per riuscirci. A prima vista.

Il problema è che quando Mozilla verrà quotata in borsa, esisterà solamente per il tornaconto dei propri azionisti e non per il web e i propri utenti. Non che i loro interessi siano diametralmente opposti ma qualunque intersezione inferiore al 100% potrebbe significare la fine di Mozilla per come la conosciamo ora.

Il motivo principale è spiegato nel semplice avvertimento di Blodget: "Molti altri soldi sono arrivati da altre parti (la pubblicità sulla pagina iniziale, ad esempio)". Quei soldi, naturalmente, sono i 52 milioni di dollari di ricavi per il 2006 annunciati alcuni mesi fa da Mitchell Baker, amministratrice delegata di Mozilla.

Mozilla avrebbe l'obbligo di cogliere ogni opportunità per fare cassa e Blodget ha già previsto che se Mozilla mettesse all'asta la pagina iniziale di Firefox potrebbe guadagnare altri milioni. Questo è grande ingegno! E i segnalibri? E che ne dite di un'integrazione con MSN, Yahoo! Messenger o Flash? E diverse homepage? Hey, pioveranno quattrini a palate.

Ma aspettate un secondo. America On Line non ha appena sepolto Netscape? E Netscape non è morto a causa di un progetto molto simile a quello che io e Blodget abbiamo previsto? C'è qualcosa che non quadra...

E non quadrerà mai perché questo è l'open source. Gli utenti e gli sviluppatori si rendono conto che il progetto non sta andando nella direzione che volevano e decidono di attuare il cosiddetto "fork". I ragazzi di Debian lo hanno già fatto con IceWeasel per molto meno. Ma questa volta, gli utenti (contatemi pure) potrebbero seguire.

Marchio? Utenti? Sviluppatori? Tutto può essere recuperato. Quattro anni fa Firefox non era niente e quindi almeno abbiamo un'idea di quanto tempo potrebbe occorrere.

In ogni caso, il commento di Blodget è divertente come fare disegnini durante una riunione in ufficio, prendiamolo per quello che è.

1 commento:

TopGun [Ace In The Storm] ha detto...

Spero che FireFox resti così com'è.
e che questa OPV non avvenga mai.

i soldi rovinano sempre tutto!